X
Federazione Italiana Medici Estetici Accademia europea chirurgia plastica facciale Restylane - Dermatology company Galderma's dermal fillers Merz Italia Azienda Farmaceutica Allergan
Recapito Telefonico:

GENIOPLASTICA

La genioplastica rappresenta’ l’insieme di tecniche di chirurgia plastica e medicina estetica che vanno a rimodellare volumi e lineamenti del mento. Si va da quelli poco invasivi come i filler al mento fino a quelle più invasive come l’osteotomia del profilo inferiore della mandibola con il suo ricollocamento.

 

CHI E’ CANDIDATO ALLA GENIOPLASTICA

Il mento trovandosi nella parte infero-mediale del volto è un elemento importante nell’estetica del volto . Ci sono molti difetti che riguardano il mento, come ad esempio un mento troppo pronunciato (prognatismo o volgarmente chiamato mento da strega)o un mento molto poco pronunciato (mento sfuggente). Spesso tali difetti sono espressione di sottostanti alterazioni scheletriche del massiccio facciale e di mal occlusioni dentali.

 

CHIRURGIA ORTOGNATICA

La chirurgia ortognatica è l’insieme degli interventi che mirano a risolvere le alterazioni dento-scheletriche del volto, spesso accompagnate da deformità ossee e mal occlusioni dentali. Il chirurgo con dei tagli chiamati osteotomie, che vengono effettuati totalmente all’interno della bocca, va a liberare la mandibola dai suoi rapporti anatomici e ripristina tutto il complesso osseo mandibolare con monconi, viti e placche, dando così armonia al volto. Anche se le cicatrici esterne sono assenti, si tratta di un intervento abbastanza invasivo che necessita di una degenza post-operatoria di 2/3 settimane.

 

FILLER

Anche per il mento possono essere usati dei filler a base di acido ialuronico che sono una valida alternativa non invasiva per riempire le zone vuote del III inferiore del viso e dare armonia ai profili del volto. Una soluzione ancora più duratura per risolvere l’alterazione a livello del mento è il filler a base di idrossiapatite calcica che è un costituente naturale di ossa e denti.

 

OSTEOTOMIA DEL BORDO INFERIORE DELLA MANDIBOLA

Questo intervento è chiamato anche “genio plastica con riposizionamento della sinfisi mandibolare” perché si agisce a livello proprio della sinfisi mandibolare, cioè del suo bordo inferiore. Questo bordo verrà tagliato dal chirurgo che lo andrà a rimodellare e armonizzare nel contesto di tutto il volto. Anche in questo caso il chirurgo si servirà di monconi, viti e placche che però potranno essere tolte dopo circa sei mesi, in quanto si sarà formato un callo osseo in grado di mantenere in sede la sinfisi mandibolare ricostruita. Anche se è un intervento più invasivo dei precedenti, non necessita di anestesia generale né di ricovero in clinica. Avverrà, infatti, ambulatorialmente e in anestesia locale con sedazione.

 

PROFILOPLASTICA

Il chirurgo che effettua questi interventi deve avere molta esperienza nel conoscere e saper trattare sia i tessuti molli che i tessuti duri del volto. Deve, infatti, saper consigliare al paziente il tipo di intervento e l’associazione tra essi per dare armonia al viso, ricordando che un buon profilo si crea quando la distanza tra il trago (la parte anteriore dell’orecchio) e la punta del naso è uguale alla lunghezza che esiste tra il trago e il mento. Così, ad esempio, quando inizia a profilarsi il fastidioso “doppio mento”, si può associare alla liposcultura del collo una protesi del mento che avrebbe il compito proprio di riempire i tessuti svuotati dalla precedente liposcultura. E ancora, spesso è necessario associare alla rinoplastica un intervento a livello mentoniero per ridare al volto in toto volume e armonia.

 

Per ulteriori informazioni sulla Chirurgia Ortognatica a Salerno siamo presso lo Studio Centro Medico Benessere e Dimagrimento corso Vittorio Emanuele Salerno 14 cap 84123. Dr. Pierfrancesco Bove, oppure contattaci al numero di telefono:

Web App - Dott. Pierfrancesco Bove

Richiedi Informazioni